“Commercio elettronico”: a colloquio con il dott. Guaragnella

Paradossalmente a qual che si pensa , seppur lo sviluppo del commercio elettronico sta rivoluzionando le “vecchie abitudini” di acquisto, i dati sembrerebbero non confortanti al riguardo  secondo un indagine su  “L’e-commerce in Italia nel 2013” (condotta  da Casaleggio  &  Associati,) dalla quale si evince come dal 2012 al 2013 il traffico  on line di e-commerce su scala nazionale (in Italia sono 27, 6 milioni i consumatori on line)  sia aumentato solo dell’1,2% con un fatturato di  22,3 miliardi di euro rispetto agli 1,6 miliardi di euro del 2004.

Di certo “acquistare on line” ha rivoluzionato l’era dell’economia digitale, ma ciò nonostante la sfera degli scettici persiste, o comunque dei cosiddetti “tradizionalisti”  convinti  nel non voler  rinunciare al contatto umano con l’esercente . Ma  a chi non è mai venuta  voglia almeno di provare ad acquistare on line magari solo un libro o un dvd? Cerchiamo di analizzare  il trend  e l’evolversi dell’e-commerce  nostrano e non,  insieme al dott. Marco Guaragnella consulente della web agency barese “Jcom Italia” dal cui staff è nata la  società “Xanthe s.r.l.”  dando vita alla piattaforma  omonima di e-commerce  http://www.xanthe.it/it/

xanthe

  • Dott. Guaragnella  a suo avviso quali potrebbero essere le ragioni per le quali il traffico dell’e-commerce ha subito un leggero calo nell’ultimo periodo?

I dati di una recentissima ricerca di Confcommercio indicano chiaramente come oltre la metà degli italiani (precisamente il 55,6%) preferisca acquistare on line per ragioni legate soprattutto ai prezzi più bassi ed alla comodità di acquisto. Dunque ricondurrei la ragione del rallentamento nella crescita del commercio elettronico all’avvicinarsi del passaggio dalla fase di crescita alla fase di maturità del “prodotto e- commerce” (come succede nel ciclo di vita di qualsivoglia prodotto).

  •  Nonostante ciò, c’è chi sostiene che l’e-commerce sia destinato a crescere nei prossimi anni  e addirittura il suo diffondersi porterà alla totale chiusura degli esercizi commerciali, crede che sia un ipotesi di cui tenerne conto?

A mio avviso l’e-commerce è destinato ineluttabilmente ad affermarsi a livello planetario, ovviamente è solo una questione di tempo. Non credo che l’e- commerce debba essere considerato come una minaccia bensì, al contrario, come un’opportunità. Si pensi ad esempio al potenziale dell’ e- commerce che, se utilizzato dagli esercenti, potrebbe al contrario rappresentare un mezzo per eliminare le scorte di magazzino, fare branding, migliorare la customer satisfaction ed estendere il proprio raggio di azione commerciale dal locale al globale. Ovviamente è una questione di cultura imprenditoriale che andrebbe aggiornata.

  • Ci parli di “Xanthe s.r.l.” che ruolo ricopre in questa società?  Come è nata e quando , qual è il suo target e dunque quali sono i vostri clienti abituali? Cosa vendete più frequentemente on line?

Xanthe s.r.l. è la “e-commerce company” che nasce dall’esperienza quindicinale in materia di consulenza per il commercio elettronico del team della Jcom Italia. La società, di recente costituzione, è nata appunto dalla volontà di capitalizzare il know-how acquisito sul campo da parte del team di lavoro di Jcom Italia (www.jcomitalia.com) per affrontare la sfida da protagonisti del mondo ecommerce. Il nostro target è in questo momento il navigatore italiano (uomo o donna), data la moltitudine di prodotti presenti nel nostro megastore on line  www.xanthe.it  (oltre 40.000 prodotti suddivisi nelle varie categorie) si potrebbe tracciare un identikit del target solo per singolo prodotto o categoria di prodotti. I prodotti più venduti sono quelli appartenenti alle categorie elettronica, abbigliamento e benessere. Personalmente il mio ruolo in Xanthe è quello di Consulente Aziendale: Pianifico le strategie on line, ne seguo l’esecuzione e ne verifico l’efficacia.

  • Quanto sono importanti i social network pe le vostre strategie di web marketing implementate per il commercio elettronico? Ed oltre ai social, quali altri strumenti presenti in rete, potrebbero agevolare l’evolversi e l’espandersi dell’e-commerce?

Secondo la nostra strategia di comunicazione on line i social sono imprescindibili e rappresentano una parte fondamentale del piano di comunicazione on line. Oltre ai social network utilizzeremo attività di Search Engine Optimization (SEO) Search Engine Marketing (SEM) Direct Email Marketing (DEM) ecc…..

 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.